Metamorfosi Urbane: Caroselli e filmati in anteprima dal Musil

Metamorfosi Urbane. Milano dall’archeologia industriale agli stili di vita del XXI secolo ospita Caroselli e filmati in anteprima dalla collezioni del Musil – Museo dell’industria e del lavoro di Brescia

Metamorfosi-Urbane-Evento-MusilMartedì 19 giugno alle ore 17:30 alle 19:30, presso gli spazi dell’Urban Center di Milano, nell’ambito di Metamorfosi Urbane. Milano dall’archeologia industriale agli stili di vita del XXI secolo, si terrà l’evento “Cinelandia. La Milano della Gamma Film“, caroselli e filmati della Gamma Film dei fratelli Gavioli in anteprima dalla collezioni del Musil – Museo dell’industria e del lavoro di Brescia a cura di Fondazione Musil di Brescia, presenta René Capovin del Musil, partecipa Sante Bagnoli, Presidente Jaca Book

Ingresso gratuito

Il progetto Alle fonti del Cinema del Musil

Il progetto Alle fonti del Cinema. Restauro, digitalizzazione e valorizzazione dei materiali del “Fondo Gamma Film di Roberto Gavioli”, finanziato da Regione Lombardia, è volto alla valorizzazione di una parte del patrimonio della Gamma Film, donato dal titolare Roberto Gavioli alla Fondazione Luigi Micheletti , e da questa al Musil, come apporto per la realizzazione del Museo dell’industria e del lavoro di Brescia , di cui Roberto Gavioli fu uno più convinti sostenitori. Nello specifico, si è trattato di intervenire in modo rapido su un patrimonio – i rodovetri utilizzati per la produzione di Caroselli e altri cartoni animati della Gamma Film – che rischia di andare incontro nel giro di pochi anni a un deperimento irreversibile, qualora non si proceda con una manutenzione tempestiva. I materiali selezionati sono stati utilizzati in attività didattiche e in azioni volte alla valorizzazione digitale del patrimonio. All’intervento di salvaguardia dei rodovetri si è affiancato il lavoro di digitalizzazione di una serie di filmati di “Carosello” del Fondo Gamma Film.

Il progetto ha previsto le seguenti attività:

• selezione dei rodovetri da digitalizzare;
• pulitura dei rodovetri selezionati dalle essudazioni di acido acetico;
• digitalizzazione dei rodovetri tramite ripresa fotografica;
• schedatura e archiviazione dei rodovetri digitalizzati;
• digitalizzazione da nastro magnetico di una selezione di filmati di Carosello.




Musil di Brescia: presentazione del progetto della nuova sede centrale

Musil Brescia – Sistema Museale dell’Industria e del Lavoro di Brescia: il nuovo progetto della sede centrale museale sarà presentato sabato 10 giugno ore 10:00 nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia a Brescia.

Musil-Brescia-sede-di-Rodengo

All’incontro saranno presenti il Sindaco di Brescia Emilio Del Bono, la Giunta comunale, Massimo Negri, responsabile della progettazione museologica e museografica della nuova sede centrale del Musil e Klaus Schuwerk, progettista dell’opera.

Il Musil di Brescia

il Musil di Brescia è frutto di una lunga elaborazione e della raccolta di un’ ampia collezione di reperti integrata da una ricca varietà di fonti documentarie (archivi, libri e riviste, manifesti, fotografie, filmati).

L’asse portante e l’obiettivo principale del Musil è la conoscenza, divulgazione, studio dell’industrializzazione e delle trasformazioni storiche prodotte dalla sua diffusione e generalizzazione, trovando nel territorio bresciano un caso esemplare, di rilievo nazionale e europeo.

Musil di Brescia: presentazione della nuova sede centrale

La sede centrale del Musil, collocata nel sito e in una parte delle strutture che ospitarono la più grande fabbrica di Brescia agli inizi del Novecento, si inserisce in un sistema già pienamente funzionante, e unico nel suo genere in Italia, che comprende il Museo dell’energia idroelettrica di Cedegolo, il magazzino visitabile e museo del cinema di Rodengo Saiano, il Museo del ferro nel quartiere di San Bartolomeo.

La sede centrale del Musil di Brescia si propone come un progetto aperto ai contributi dei diversi soggetti interessati a questo nuovo spazio di conoscenza, educazione e animazione culturale al servizio della città e del suo territorio: ne verranno quindi illustrate le funzioni e la struttura anche in relazione al progetto generale di rigenerazione urbana in cui questa iniziativa viene a collocarsi.

Saranno presentati inoltre i temi, le diversi tipologie di reperti e di documenti come pure le molteplici forme di comunicazione che animeranno le sale del museo dove si incontreranno diversi linguaggi nello spirito della sua architettura contemporanea dove coesistono nuove forme accanto ai capannoni storici della ex-Tempini.

Per saperne di più sull’evento cliccare qui