Home / News e Eventi / Milano, Base: Inside Out, The People’s Art Project alla ex Ansaldo

Milano, Base: Inside Out, The People’s Art Project alla ex Ansaldo

image_pdfimage_print

Arriva a Milano Inside Out Project: arte partecipativa, un cantiere e 150 ritratti per la storia di un edificio, dagli anni di Ansaldo a quelli di Base Milano.

Pochi giorni per provare l’atmosfera di Inside Out, progetto di arte partecipativa promosso dall’artivista JR. E nello spazio/cantiere di Base Milano, l’accesso è solo con caschetto, torce e lampade frontali

Inside Out: a BASE Milano un progetto d’arte che ripercorre la storia dell’ex-Ansaldo dalla meccanica pesante alle industrie culturali

Inside Out, piattaforma globale ispirata alle grandi affissioni e all’arte glue and paper, prende forma negli spazi di BASE all’interno della ex Ansaldo oggi cuore del fashion district milanese, tra Porta Genova e via Tortona. L’installazione è parte dell’omonimo progetto di arte partecipativa, che ha vinto il TED Price 2011. Con oltre 260mila partecipanti in 129 paesi, il progetto Inside Out ha viaggiato dall’Ecuador al Nepal alla Palestina, con i gruppi di azione locale che hanno lavorato su temi quali la diversità, la violenza di genere, i cambiamenti climatici o, come in questo caso, i mutamenti socio-economici.

Si entra al buio, perché in novembre alle sette di sera il sole è già tramontato: torce, caschetti di sicurezza e lampade frontali sono una necessità per accedere al cantiere all’ultimo piano di BASE. Uno sguardo al percorso segnalato dai paletti sul pavimento grezzo e uno allo skyline illuminato di Milano che si disegna nei riquadri delle finestre. Un modo inconsueto per visitare una mostra, un’installazione. Del resto è singolare anche il progetto del francese JR. Sperimentatore e artivista, come si definisce, JR con Inside Out ha dato una connotazione originale a questi spazi industriali. Ha infatti affisso a terra e su una parete 150 gigantografie con i volti di altrettante persone. Nessun viso famoso, ma tutti ugualmente importanti nel processo di trasformazione di quest’area della città da zona produttiva (meccanica pesante) a zona di industrie culturali.

Sono i volti di una Milano che cambia quelli delle foto che animano il cantiere, anch’esso in trasformazione come l’edificio che lo contiene: da storico stabilimento di produzione industriale a nuovo fulcro di industrie creative. I ritratti, scattati da Chiara Conti residente in BASE, sono quelli degli ex operai ed operaie, degli impiegati che lavoravano in fabbrica affiancati ai volti dei professionisti delle industrie culturali e creative che caratterizzano la nuova vita degli spazi di via Bergognone. Mentre sono pochi i giorni per vedere l’installazione all’interno del cantiere, altri grandi ritratti, affissi nel cortile, rimarranno esposti fino a marzo 2018.

Ex-Ansaldo e la riconversione consapevole verso una nuova manifattura: culturale e urbana

Ad ospitare Inside Out è l’edificio ex-Ansaldo, del 1904, che testimonia la vocazione produttiva dell’area. Con la costruzione della ferrovia Milano – Vigevano si organizza un polo manifatturiero lungo le direttrici Alzaia Naviglio Grande, via Tortona, via Savona, tutte parallele alla ferrovia, che divengono sedi di fabbriche. Nel 1865 inizia la costruzione della Stazione di Porta Genova e l’industria si insedia tra il Naviglio Grande la ferrovia.

Nell’edificio dell’ex-Ansaldo, costruito tra il 1904 e il 1923, ha sede l’impresa meccanica Roberto Zust. Negli anni ’60, dopo vari cambi di proprietà, Ansaldo acquista il complesso per produrre locomotive, carrozze ferroviarie e tramviarie, motori. La vicina ferrovia, con binari che raggiungevano direttamente l’Ansaldo, favorisce il trasporto di merci pesanti dal carbone per alimentare gli impianti al prodotto finito.

Negli anni ‘70 le trasformazioni del sistema produttivo e le crisi energetiche portano alla dismissione delle fabbriche della zona, Ansaldo compresa. Il complesso, 70mila metri quadrati, rappresenta un interessante esempio di rigenerazione urbana in Italia con modello misto pubblico-privato. La spinta al rinnovamento dell’intero quartiere è degli anni ’90, quando loft, showroom e spazi per eventi, mostre, convention si insediano tra le ex fabbriche, attratti sia dai bassi costi dovuti alla deindustrializzazione sia dalla prossimità al centro,

Nel 1990 il Comune di Milano acquisisce il complesso ex-Ansaldo con vincolo di destinazione ad attività culturali; nel 1994 vi si insediano i laboratori del Teatro alla Scala (produzione di scenografie e costumi di scena). Inizia così la riconversione ad usi culturali dell’ex stabilimento, con progetti che sono stati oggetto di dibattito e sperimentazioni.

Nel 2016 si inaugurano il Mudec – Museo delle culture, disegnato da David Chipperfield, e BASE, società non profit con la mission di catalizzatore culturale dove sperimentare nuove forme di produzione culturale e nuovi sistemi di manifattura urbana. Attualmente Base, a seguito di bando pubblico per l’assegnazione degli spazi, occupa 6mila metri quadrati (saliranno a 12mila dopo le ristrutturazioni in atto) dedicati a innovazione, contaminazione culturale tra arti applicate e performative, cultura d’impresa. Offre anche spazi di lavoro, servizi per formazione e incubazione d’impresa, residenze d’artista, un bar con cucina aperto al quartiere e programmi di workshop, mostre, spettacoli, festival.

L’edificio ex-Ansaldo in 10 date

1904: impresa Roberto Zust
1908: AEG
1915: Società Elettrotecnica Galileo Ferraris
1921: CGE (costruzione trasformatori elettrici)
Anni ’30: ampliamento su quattro piani
1966: passaggio ad Ansaldo (produzione di locomotive, carrozze ferroviarie e tramviarie)
Anni ’70-’80: dismissione dello stabilimento per deindustrializzazione del quartiere
1989: acquisizione da parte del Comune di Milano
1994: si insediano i laboratori del Teatro alla Scala
2016: si inaugura il Mudec – Museo delle Culture e nasce Base

 

di Paola Sammartano

Informazioni:
Dove: BASE Milano, via Bergognone 34, 20144 Milano
Quando: Inside Out è visitabile sino a domenica 19 novembre 2017
Orari di apertura: dalle 19.00 alle 20.00, solo su prenotazione 
L’installazione esterna rimane visibile fino a marzo 2018

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.